Una questione di prospettiva ?️?Tempo di lettura stimato: 2 minuti

UNA QUESTIONE DI PROSPETTIVA ?️?
Spesso è una questione di proporzioni di come si vedono le cose. E anche di prospettiva. Le possiamo vedere più piccole di quello che sono e sminuirle, oppure più grandi di quelle che sono e drammatizzare il sentimento che ci suscitano, oppure possiamo cercare di vederle per quello che sono, sia che ci procurino gioia o ci procurino dolore. Arte difficilissima questa.
E spesso è una questione di distanza delle cose. Se siamo troppo vicini tendiamo ad ingrandirle, se siamo troppo distanti tendiamo a sminuirle, un po’ come fa il nostro occhio: quando vede le cose da lontano le vede piccole piccole e quando ci attacchiamo le cose agli occhi non le vediamo realmente ma sfocate.
Quindi in definitiva è una questione di distanza, di giusta distanza. Come si fa a mettersi alla giusta distanza? Come dicevo, arte difficilissima. Se pensiamo che il nostro corpo debba mettersi alla giusta distanza da qualcosa, dobbiamo pensare che tutti i 752 muscoli del nostro corpo siano ben posizionati, la testa non china, la posizione comoda, l’attenzione e l’ascolto posta proprio su quella cosa che stiamo guardando, la mente decisa proprio a mettersi in quella posizione. Insomma tutto deve lavorare all’unisono e in armonia, e a volte tutto questo non basta ma per vedere bene è necessario addirittura indossare un paio di occhiali che può rappresentare un po’ il nostro lavoro di psicoterapeuti, riuscendo alla fine, dopo tanto lavoro mille prove e tentativi, a coniugare giusta distanza proporzioni e prospettiva. E mentre facciamo tutto questo, ricordarci anche di essere consapevoli della nostra posizione rispetto alle cose poiché in base ad essa le vedremo diversamente. Come dicevo, arte difficilissima ma possibile.
www.lucinacicioni.com

Commenti su Facebook